Il traffico nei centri urbani sta cambiando, ma ciò non significa che stia diminuendo. Un numero sempre maggiore di acquisti online e scorte spesso ridotte portano a un aumento del numero di consegne e fornitori di servizi di consegna che competono tra loro. Allo stesso tempo si sta lavorando per trasformare aree urbane in zone a traffico limitato e per spostare il traffico verso zone esterne. All’orizzonte si profila un intervento normativo che riguarda la logistica urbana, con misure che limitino il numero totale dei veicoli o prevedano limiti massimi per particolari dimensioni dei veicoli, con l’obiettivo di ridurre le emissioni.

In una cosiddetta “città di 15 minuti”, dovrebbe essere possibile raggiungere qualsiasi luogo rilevante della città in circa 15 minuti, con mezzi di trasporto sostenibili. In tal modo il traffico motorizzato sulle strade diminuirebbe drasticamente; tuttavia, implementare questo concetto al di fuori del contesto urbanistico non è così facile. Ciò che serve sono soluzioni per una logistica all’avanguardia nei centri urbani.

Le cargo bike: una valida alternativa?

Matthias Hormuth, Head of Products bei der PTV

Le cargo bike sono agili, flessibili e con un basso consumo energetico: sembrano essere l’alternativa ideale per consegne e per mantenere basse le emissioni di CO2 nelle città. Per il commercio espresso standard, ad esempio per la consegna di medicinali ordinati con breve preavviso dalle farmacie, le bici da carico sono una buona alternativa. E se vengono utilizzate e-bike, i fornitori possono ampliare notevolmente i percorsi e ridurre i tempi di viaggio.

Tuttavia, il volume del carico è limitato. Matthias Hormuth, Head of Products del Gruppo PTV, da molti anni impegnato nel settore della logistica, sa di cosa parla: “Anche se la percentuale di biciclette aumenta costantemente, è difficile coprire questi volumi di consegna utilizzando le cargo bike nel centro città; semplicemente non possono fare il lavoro di un camion da 40 tonnellate. Pertanto, un approccio risolutivo per la logistica dei centri urbani consiste nel creare nuove strutture di consegna”.

Nuove strutture di consegna

Nelle grandi città ci sono molti progetti ed esempi in cui la distribuzione dell’ultimo miglio utilizzando le biciclette funziona bene. Con un’adeguata infrastruttura per biciclette, gli effetti sul flusso del traffico sono ancora più positivi: per una pianificazione ottimale di tali strutture di consegna, molti scenari di logistica urbana possono essere simulati con il software. Ad esempio, le cargo bike sarebbero un’opzione perfetta, se fossero allestiti punti di raccolta dei pacchi nei centri urbani, i cosiddetti micro-depot, da cui i fornitori di servizi di trasporto potrebbero consegnare.

Un altro approccio è raggruppare le consegne nei centri urbani, per combinare i viaggi e utilizzare al meglio i veicoli. Per raggruppare in modo efficace i fornitori di servizi di trasporto dovrebbero lavorare a stretto contatto o trasferire le consegne a un’azienda indipendente per l’ultimo miglio: questa sarebbe una grande sfida per le aziende spesso piccole che gestiscono consegne nei centri urbani.

bicycle-gc8c861b79_1920_500x500
electric-car-g57f2ac772_1920_500x500

Flotte ad alimentazione alternativa

Un primo passo per i fornitori di servizi di logistica urbana sarà convertire le loro flotte integrandole almeno in parte con mezzi ad alimentazione alternativa. A partire dal 2030, in Germania non verranno più costruiti e immatricolati motori a combustione, e le alternative sono già disponibili: i motori elettrici sono in forte espansione e sul mercato sono disponibili anche veicoli a idrogeno e a gas. Ci sono però due fattori limitanti: la portata massima e la disponibiltà di una infrastruttura di ricarica adeguata. Ogni tipo di intervento ha i suoi vantaggi e svantaggi, anche per la consegna nei centri urbani.

“I fornitori di servizi logistici devono confrontarsi con la questione di dove sia possibile implementare in modo ottimale soluzioni convenzionali e alternative“, afferma Hormuth, “la conversione a una flotta mista richiede una nuova ottimizzazione dei trasporti, che tenga conto delle condizioni quadro esistenti”.

Approcci futuristici

Non ci sono quasi limiti alla creatività nell’ipotizzare approcci futuristici alla logistica urbana. Una serie di idee e progetti specifici si stanno concentrando sui robot come veicoli per le consegne urbane. Nel progetto pilota Efeucampus, piccoli robot mobili e autonomi effettuano consegne direttamente a casa tua e prelevano su nuovi beni. Con questo progetto, i partecipanti stanno cercando di sviluppare un modo in cui i fornitori di servizi CEP possano ridurre il traffico nei centri urbani e proteggere l’ambiente. Ford ha già testato robot di consegna autonomi già da due anni.

Altri concetti considerano l’uso del trasporto pubblico locale come un’opzione pratica per la distribuzione delle merci. I robot a guida autonoma dovrebbero viaggiare nel bagagliaio e sbarcare agli indirizzi di consegna. Sarebbe anche possibile pre-prelevare stazioni di imballaggio mobili per poi scaricarle in punti centrali vicino agli indirizzi di consegna. In Svizzera è attualmente in corso un interessante progetto: Cargo sous terrain rappresenta un sistema logistico globale digitale a livello nazionale che collega i grandi centri di distribuzione e fornisce la distribuzione sotterranea delle merci dell’ultimo miglio.

Soluzioni più realistiche

Strutture di distribuzione dettagliate rappresentano l’approccio più sensato e realistico per risolvere i problemi di distribuzione nelle aree urbane, abbinate a hub logistici centrali distribuiti in tutta la città. Anche la gestione delle zone di consegna può alleviare la situazione, così come le soluzioni strategiche per l’ultimo miglio e la pianificazione del percorso ottimizzata per software. La successiva ottimizzazione e aggiunta alla flotta di piccoli veicoli elettrici per le consegne e cargo bike, combinata con le nuove normative relative alle zone di carico e consegna esplicite nei centri urbani, può contribuire a migliorare le cose.

La digitalizzazione garantirà soluzioni tempestive lungo l’intera catena di fornitura: Hormuth afferma: “Non ne parliamo molto perché lo facciamo da più di 40 anni in PTV”. E continua: “Appropriati algoritmi assicurano che vengano prese in considerazione condizioni quadro come il bypass delle zone a basse emissioni, così come le finestre temporali, la densità del traffico e diversi mezzi di trasporto. Per rendere giustizia a un mercato diversificato e alle sfide della logistica dei centri urbani, abbiamo bisogno della digitalizzazione. Solo nell’interazione digitale città come Parigi, Amburgo e Utrecht possono posizionarsi come esempi di “migliori pratiche” e, allo stesso tempo, ottimizzare la logistica dei centri urbani”.

Pianifica nuove infrastrutture per la logistica urbana

Adatta il tuo servizio alle nuove sfide del futuro

Chi l'ha scritto

Le soluzioni intelligenti per la mobilità futura sono il cuore di PTV - e il cuore del reporting di Iras. Scrive di #IntelligentLogistics, #logistics4tomorrow, #smartSolutions4mobility e #cities4people.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Name