Le immagini hanno fatto il giro del mondo quando il ponte autostradale Morandi è crollato a Genova durante un violento temporale nell’agosto 2018. L’incidente, che ha ucciso 43 persone, ha dimostrato chiaramente l’importanza di infrastrutture di trasporto sicure e resilienti. Pertanto, Commissione europea attribuisce la massima priorità alla protezione delle infrastrutture stradali critiche. Tuttavia, il focus non è solo su sistemi che valutano le condizioni di tali strutture critiche in termini di età e usura, ad esempio, ma anche su soluzioni che rendano le infrastrutture stradali più resilienti, in modo che possano rispondere efficacemente agli imprevisti. Abbiamo intervistato Alexander Dahl del PTV Research Team, che attualmente sta conducendo ricerche su questo argomento come parte di un progetto finanziato da German Federal Highway Research Institute (BASt).

La resilienza attualmente sembra essere una vera parola d’ordine. Resilienza a Corona, agli impatti climatici o città resilienti: cosa significa resilienza in termini di infrastrutture stradali ?

Alexander: il concetto di “resilienza” non è nuovo nel settore dei trasporti. Il nostro team di ricerca lavora su questo tema da almeno dieci anni ed è stato coinvolto in molti interessanti progetti riguardanti la protezione delle infrastrutture stradali critiche. Ad esempio, U-THREAT < / a> – un progetto che si occupa della resilienza dei sistemi metropolitani. Oppure Skribt (+) concentrandosi sulla protezione di gallerie e ponti critici.

In linea di principio, analizziamo quanto bene l’infrastruttura di trasporto possa far fronte agli effetti negativi causati da eventi dirompenti o come consentire un rapido ritorno in servizio. Se gli elementi del percorso critico non sono disponibili per un periodo di tempo più lungo, ciò può portare a costi macroeconomici elevati. Siamo stati coinvolti in una serie di progetti, come RITUN </ a>, dove abbiamo utilizzato PTV Visum e PTV Validate per quantificare i costi economici.

voiture dans un tunnel

Di che tipo di eventi dirompenti stiamo parlando?

Alexander: Stiamo parlando di eventi che sono imprevedibili e quindi si verificano anche abbastanza raramente, ad esempio, a causa di fenomeni naturali, cambiamenti indotti dall’uomo o guasti tecnici. Questo potrebbe essere l’incidente di un camion cisterna di carburante che trasporta materiali altamente infiammabili in un tunnel, attacchi terroristici o condizioni meteorologiche estreme, come forti venti sui ponti o smottamenti causati da forti piogge.

Stai attualmente collaborando con la società di consulenza svizzera EBP Schweiz AG al progetto FE69.0005 “Ottimizzazione e ulteriore sviluppo di strumenti di azione progettati per valutare la resilienza delle infrastrutture di trasporto” avviato dall’Istituto federale tedesco di ricerca sulle autostrade BASt. Cosa è lo scopo di questo progetto?

Alexander: Lo scopo del progetto è fornire alle autorità di costruzione stradale o ad altre agenzie competenti uno strumento software che le aiuti a prepararsi ai pericoli.

Lo strumento è progettato per consentire agli utenti di analizzare quanto sia resiliente una specifica sezione del percorso a un’ampia gamma di eventi dirompenti e per identificare misure adeguate per migliorare la resilienza in modo mirato. Le possibili azioni includono: mitigazione delle minacce, adattamento ottimale o ripristino rapido.

EBP aveva già sviluppato la versione base del software durante un progetto precedente. Ora il compito è svilupparlo ulteriormente in termini di metodologia e ampliare la portata e le misure. Attualmente lo strumento è limitato alla rete autostradale; ma si prevede di includere altri modi di trasporto, come la ferrovia e le vie navigabili.

Puoi fornire un esempio di tale analisi?

Alexander: Prendiamo l’esempio di un ponte esposto a forti correnti di vento. Può resistere a questi venti forti? Le vibrazioni potrebbero essere troppo forti causando il collasso del ponte? I venti forti possono influenzare i veicoli sul ponte? Ad esempio, un veicolo potrebbe essere portato fuori rotta? È necessario chiudere il ponte ad una certa velocità del vento?

I pianificatori possono quindi adottare misure appropriate in termini di infrastruttura (la struttura stessa), gestione o funzionamento. Ad esempio, che aspetto hanno i piani di emergenza se il ponte deve essere chiuso? Quali sono le opzioni di bypass? Dobbiamo definire un sistema di deviazioni, così come lo conosciamo dalle autostrade, e segnalarlo in anticipo per le emergenze

Alexander Dahl, PTV Group
Alexander Dahl arbeitet im Forschungsteam der PTV Group.
Quindi lo strumento è progettato principalmente per analizzare e valutare ponti e tunnel?

Alexander: I tunnel e i ponti sono elementi chiave della nostra rete stradale. Quindi, è ovviamente molto più pericoloso se un camion che trasporta materiali pericolosi prende fuoco in un tunnel che su una strada aperta. Ma gli incidenti possono verificarsi anche su tratti di percorso libero, come ad esempio inondazioni dovute a forti piogge o smottamenti. Solo l’estate scorsa, l’autostrada A8 vicino a Rosenheim in Germania ha dovuto essere chiusa a causa di inondazioni dopo forti piogge. Siamo tutti consapevoli che tali eventi si verificheranno più frequentemente a causa dei cambiamenti climatici. Alla luce di questi sviluppi, concetti lungimiranti che aiutano a migliorare la resilienza e quindi a proteggere le infrastrutture critiche sono ora più importanti che mai.

Scopri i nostri progetti di ricerca

In PTV, siamo coinvolti in progetti di ricerca nazionali e internazionali per sviluppare concetti, strategie e modelli per la mobilità e il trasporto di domani in team interdisciplinari.

Chi l'ha scritto

Dalle forme di mobilità sostenibile come la bicicletta e la guida autonoma alla sicurezza stradale e alle strategie per l'ultimo chilometro: Steffi è sempre alla ricerca di nuove storie ed è affascinata dalla ricchezza di argomenti interessanti che la nostra mobilità ha da offrire ogni giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Name