Sempre più persone vivono nelle città. Le Nazioni Unite stimano che entro il 2050 due terzi della popolazione mondiale vivrà in aree urbane. Questo sviluppo porrà di certo nuove sfide per i pianificatori di città e trasporti. Tecnologie rivoluzionarie come gli aerotaxi possono offrire nuove soluzioni a queste sfide?

Gli aerotaxi sono detti anche Vertical Take-Off and Landing (VTOL): come suggerisce il nome, possono decollare e atterrare verticalmente. L’idea che questo mezzo possa diventare un’alternativa affidabile e veloce ai servizi di trasporto terrestre ha suscitato molta attenzione negli ultimi anni. Ma è davvero realistico pensare che in futuro diventeranno parte del mix di mobilità?

Un servizio di aerotaxi potrebbe essere offerto su richiesta con una rete di hub di atterraggio, simile alle stazioni della funivia, dove i passeggeri salgono o scendono. Funzionerebbero indipendentemente dalle reti stradali e quindi dagli ingorghi, il che comporterebbe orari di arrivo più precisi. Questo rende il loro utilizzo particolarmente promettente per i servizi di navetta aeroportuale.

In collaborazione con Volocopter, la tedesca Fraport AG di Francoforte sta studiando modi per offrire presto un servizio di aerotaxi ai clienti. A causa degli elevati costi di produzione, il servizio inizialmente non sarà adatto al mercato di massa. Tuttavia, con l’aumentare del numero di utenti, aumenterà anche la produzione, rendendo ogni viaggio più economico.

Propensione all’utilizzo degli aerotaxi

Gli aerotaxi entreranno a far parte del mix di mobilità solo se ci sarà sufficiente accettazione da parte del pubblico. Immagine: © Leon Bublitz / Unsplash
Gli aerotaxi entreranno a far parte del mix di mobilità solo se ci sarà sufficiente accettazione da parte del pubblico. Immagine: © Leon Bublitz / Unsplash

Ma il servizio di aerotaxi migliorerebbe l’accessibilità nelle aree urbane? E quanto sarebbe grande la domanda?

Tra il 2011 e il 2014, il progetto di ricerca dell’UE myCopter ha studiato la propensione ai taxi aerei in Inghilterra, Germania e Svizzera. Mentre i cittadini di Liverpool erano elettrizzati dall’idea di non essere più bloccati nel traffico, gli svizzeri a Zurigo hanno reagito in modo più pacato. Nella città tedesca di Tubinga le persone erano preoccupate che gli aerotaxi avrebbero sorvolato le aree urbane e per questo interferito con la loro privacy. Una soluzione a questo problema potrebbero essere dei corridoi di volo speciali in zone specifiche, ad esempio sopra le autostrade.

Un’altra grande preoccupazione era la sicurezza degli aerotaxi. Il Prof. Dr. Heinrich H. Bülthoff, capo del progetto myCopter, afferma: “Accettiamo senza grandi preoccupazioni che 3.000 persone muoiano ogni giorno in incidenti stradali. Il rischio di incidenti è molto più basso in aria, basti pensare che un taxi aereo sarebbe in grado di evitare gli ostacoli volando non solo lateralmente ma anche sopra o sotto di essi. Inoltre i sistemi di comunicazione automatica, simili alla comunicazione auto-auto, possono già essere utilizzati per questo tipo di traffico aereo. Sulle nostre strade invece non vedremo questi sistemi di comunicazione per molto tempo ancora. ”

Infrastruttura: la chiave del successo

L’accettazione da parte del pubblico sarà decisiva per introdurre i taxi aerei come aggiunta al trasporto pubblico. Un altro fattore importante è l’infrastruttura. I potenziali fornitori devono affrontare numerose questioni: dove dovrebbero essere stabiliti gli hub degli aerotaxi per raggiungere il maggior numero possibile di clienti? Quale sistema di prezzi sarebbe redditizio? Come dovrebbe essere costruita la flotta di taxi per garantire un elevato livello di servizio?

Le città sono principalmente interessate a spostare il traffico verso il traffico aereo al fine di ridurre il traffico. Ma la costruzione di hub di aerotaxi è anche una questione di spazio, una merce rara nella maggior parte delle città. E la pianificazione di queste aree dovrebbe includere anche la fornitura di energia e lo spazio necessario per la manutenzione e le riparazioni.

Scambio multilivello nel distretto di Norrmalm di Stoccolma, Svezia
Scambio multilivello nel distretto di Norrmalm di Stoccolma, Svezia

Un’idea è quella di utilizzare semplicemente i tetti degli edifici esistenti, come già accade oggi per gli elicotteri. Si stima che l’investimento sarebbe molto inferiore rispetto alla costruzione di nuove stazioni o aeroporti.

I modellisti dei trasporti dovranno affrontare nuove sfide. Ad esempio bisognerà capire come configurare il servizio on-demand, come combinarlo con altre modalità di trasporto e come selezionare buone posizioni per gli hub. I modelli di domanda di trasporto possono aiutare a simulare e analizzare in anticipo gli effetti dei taxi aerei sulla situazione del traffico nelle città.

Insieme ai miei due colleghi di PTV Group, il dott. Petr Senk e Udo Heidl, abbiamo sviluppato un algoritmo che affronta queste sfide e che permette di modellare la domanda di trasporto dei taxi aerei.

Gli aerotaxi possono funzionare nella tua città?

Il software PTV Visum può simulare l’impatto dei taxi aerei sul traffico cittadino.

Chi l'ha scritto

Niko is passionate about machine learning and mathematical modelling and actively tackles challenges. To get closer to his goal - to understand and, above all, improve the mobility of the future - he develops algorithms that are revolutionizing the modeling world worldwide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Name